trad

Bloodborne: 10 boss più difficili, classificati per difficoltà

La serie Soulsborne è ben nota per la sua difficoltà. In effetti, è uno dei motivi per cui la serie è diventata così popolare. I boss Bloodborne non fanno eccezione. L'ambientazione gotica vittoriana è orribile, ma l'unica cosa ancora più spaventosa è la schiera di boss raccapriccianti con cui i cacciatori si incontreranno.

Bloodborne ha la sua parte di alcuni dei boss migliori e più difficili dell'intera serie. Il gioco vanta diciassette boss nel corso dell'avventura principale, con altri 5 temibili incontri aggiunti con l'espansione DLC, The Old Hunters. I Chalice Dungeon ospitano un misto di incontri completamente nuovi e alcuni volti familiari, per un totale di 21 boss da combattere in quelle profondità labirintiche. Tutti i nemici in Bloodborne sono una battaglia da superare, ma alcuni boss, grazie a una combinazione di agilità, schemi complicati, raggio d'azione, imprevedibilità e puro danno, sono sfide davvero mostruose.

VIDEO DEL GIORNO DUALSHOCKERS

10. Paral Bestia Oscura

Darkbeast Paarl può essere incredibilmente difficile da superare, a seconda di quando questa bestia imponente viene combattuta. Paarl è un boss opzionale e può essere incontrato a livelli molto diversi, poiché può essere combattuto per la prima volta intorno al livello 30 (se il cacciatore viene portato nella prigione ipogea da uno Snatcher il prima possibile).

Sconfiggere Darkbeast Paarl all'inizio del gioco non è un compito facile. Questo boss infligge molti danni ed è veloce, con i suoi danni da illuminazione utilizzati a medio raggio. Il suo movimento è irregolare e imprevedibile, ed è un nemico intimidatorio tutt'intorno. Combattere contro Paarl il prima possibile metterà alla prova il cacciatore ai propri limiti, ma c'è l'argomento che la battaglia sarà più gestibile intorno al livello "previsto".

9. Bestia assetata di sangue

La Bestia assetata di sangue è una creatura dall'aspetto orribile che è implacabile. Il suo grande attacco con gli artigli destri farà sicuramente male e, se il cacciatore diventa avido, la sua combinazione di colpi feroci può essere difficile da cui sfuggire. Non solo, questo boss infligge anche danni da veleno persistenti. La Bestia affamata di sangue è uno dei primi combattimenti contro i boss ed è tra i primi a mettere davvero alla prova la pazienza dei giocatori, specialmente per i principianti.

L'arena stessa funziona attivamente anche contro il giocatore, poiché la Chiesa del Buon Calice è stretta e avvantaggia il lungo attacco a scorrimento del boss. D'altra parte, tuttavia, ci sono pilastri nell'arena, che offrono una protezione limitata, e armi e oggetti intrisi di fuoco saranno molto efficaci contro questa Bestia.

8. Padre Gascoigne

Padre Gascoigne si rivela un ostacolo all'inizio del gioco per molti giocatori. È un boss obbligatorio e un avversario diverso da tutti quelli che il giocatore aveva affrontato fino a questo punto: un compagno Hunter veloce, mobile e con doppia impugnatura, in grado di trasformare la sua arma proprio insieme al giocatore.

I cacciatori che non sono abili nel parare con la pistola e segnare opportunità di Attacco Viscerale avranno ancora più difficoltà qui, così come quelli che non trovano l'oggetto Tiny Music Box (il cui suono stordirà temporaneamente Gascoigne, in riferimento al suo tragico retroscena). Sulla trasformazione, Gascoigne diventa incredibilmente aggressivo e, aggravando ulteriormente la difficoltà, l'arena è piccola e ci sono molti spazi ristretti nel cimitero. Questo può aiutare Gascoigne a catturare il cacciatore. I giocatori subdoli scopriranno di poter sfruttare anche questo a proprio vantaggio, proteggendosi dagli attacchi di Gascoigne.

7. Amigdala (Dungeon contaminato)

L'amigdala in Nightmare Frontier non tende a essere troppo impegnativa nella fase in cui il giocatore raggiunge il combattimento opzionale, se è attento ai suoi lunghi arti e può colpire la sua testa vulnerabile in modo coerente. La variante Defiled Chalice di Amygdala, tuttavia, è considerata da alcuni come una delle battaglie più frustranti del gioco.

La salute del cacciatore è dimezzata in questo Chalice Dungeon e l'arena è minuscola, il che rende estremamente imbarazzante schivare: l'amigdala può semplicemente spingere il giocatore in un altro attacco. Come prima, colpire la testa ove possibile infliggerà danni ottimali e questo nemico ha attacchi che lasceranno aperture, ma richiederà pazienza e schivate tempestive.

6. Gehrman, Il primo cacciatore

Gehrman, The First Hunter è ingannevolmente agile e la sua Burial Blade ha una portata e una potenza sorprendenti. Può passare da un lato all'altro dell'arena in un secondo e abbatterti, e usa anche combo veloci che sono difficili da fermare. Sicuramente è una battaglia frenetica.

Gehrman ha alcune mosse che possono sparare con un ritmo estremo, il suo attacco in salto è una minaccia particolare. Tuttavia, The First Hunter ha un grande punto debole, le parate. Se il giocatore ha imparato questa meccanica, Gehrman può essere affrontato molto più facilmente. Tuttavia, rappresenta ancora una tremenda minaccia.

5. Lady Maria della Torre dell'Orologio Astrale

Lady Maria della Torre dell'orologio astrale si trova nel DLC Bloodborne. In sostanza, è un'avversaria veloce e imprevedibile, estremamente simile a Gehrman, ma leggermente più dura. Lady Maria è veloce e ha combo feroci che possono uccidere il cacciatore in una volta sola. Ha due lame e può usare il Sangue a suo vantaggio, una trasformazione che conferisce alle sue spade una portata senza precedenti.

Attacca con stile e ferocia, i suoi attacchi lasciano tracce elaborate che rendono difficile leggere da dove verrà l'impatto. Il suo stile di combattimento è quasi come una danza e l'ingannevolezza delle sue mosse rende difficile leggerla. Gli abitanti di Yharnam stagionati, tuttavia, saranno in grado di pararla al momento giusto, il che almeno smussa leggermente il suo vantaggio.

4. Ebrietas, Figlia del Cosmo

Ebrietas, Figlia del Cosmo è una lotta imbarazzante, a causa delle sue enormi dimensioni e della sua capacità di volare. L'obiettivo è mettersi dietro Ebrietas e inviare una tempesta di attacchi a modo suo. Ebrietas usa la magia che costringerà il cacciatore a continuare a correre e muoversi, il che spesso rende difficile avvicinarsi a lei.

Ha una grande riserva di salute e può sfuggire facilmente agli attacchi dei giocatori volando via, lasciandoli in pericolo mentre tentano di riposizionarsi. Inoltre, quando Ebrietas esegue il suo attacco schiacciante dall'aria, può essere estremamente difficile schivare, cosa che spesso colpirà il giocatore. Ebrietas potrebbe essere il boss più difficile che il gioco principale di Bloodborne ha da offrire.

3. Laurence, Il Primo Vicario 

Laurence, Il Primo Vicario è la Bestia Chierica in modalità difficile. Questo mostruoso nemico brandisce il fuoco a suo vantaggio e quando colpisce il terreno, le fiamme esplodono da esso. È la sua fase finale che lo rende un boss così famigerato. Striscerà per l'arena sprigionando fiamme dalla sua bocca, lasciando una scia di lava. Questa lotta richiede molta fuga e molta pazienza, perché se i giocatori continuano a lamentarsi di Laurence, la lava ridurrà rapidamente la salute del cacciatore. Laurence potrebbe non fare il danno maggiore, ma lo spazio angusto in cui ha combattuto limita la difesa principale di un Hunter: la sua evasione.

2. Ludovico La Maledetta/Sacra Lama

La maggior parte dei nemici formidabili che hanno due fasi generalmente diventano più aggressivi e ottengono un attacco extra. Ludwig cambia il suo intero stile di attacco, il che significa che il cacciatore ha due nemici mortali completamente diversi con cui accontentarsi. Inizia come una bestia che carica a tutta velocità, scatenando una raffica di attacchi che coprono una vasta area e sono difficili da evitare.

Quindi, una volta che Ludwig ottiene la Holy Moonlight Sword, diventa Ludwig, The Holy Blade, un'entità completamente nuova. I suoi attacchi sono precisi e ampi e la sua bella ed eterea lama fa molti danni. Questo combattimento richiede essenzialmente alcune morti per imparare i due set di mosse molto diversi di Ludwig, ma può essere padroneggiato. Questa famigerata battaglia con i boss è tra le più difficili della serie e in Bloodborne solo un boss finale è più impegnativo.

1. Orfano di Kos

Senza dubbio il combattimento più duro di Bloodborne, e forse dell'intera serie Soulsborne. Orphan of Kos è il boss finale dell'espansione The Old Hunters e vale la pena aspettare. La creatura ha un'enorme quantità di salute e ogni sorta di asso nella manica. Non solo è super aggressivo, ma può combattere sia a distanza ravvicinata che a distanza. Il cacciatore deve trovare una sorta di via di mezzo per poter colpire rapidamente e ritirarsi dal pericolo.

Quando inizia la fase due, prevedibilmente, la lotta diventa molto più dura. L'Orfano di Kos è infuriato e inizia a sbattere caoticamente a terra. Emetterà un urlo e onde di fulmine verranno dal mare. Non c'è altra opzione che aspettare l'occasione perfetta per colpire Kos e, nel frattempo, nessun posto è sicuro nella sua piccola arena sulla spiaggia. Questa battaglia da incubo è il motivo per cui alcuni cacciatori non vedono mai la fine del DLC.

Cet articolo è traduit automatiquement. N'hésitez pas à nous signaler s'il ya des erreurs.

LEGGERE :   La vetrina di Capcom mostrerà il nuovo contenuto di Monster Hunter Rise Sunbreak
Continua a leggere...
Pulsante Torna all'inizio della pagina
Fermer