trad

'Anche se Putin muore, saranno comunque mortali': Sacerdote sulla Russia

Un sacerdote francese riconosciuto per il suo lavoro sui diritti umani avverte che l'Ucraina e la Russia continueranno a vedere una persistente animosità l'una verso l'altra, anche se il presidente russo Vladimir Putin dovesse morire.

Padre Patrick Desbois ha fatto le osservazioni in un'ampia intervista con Ukrainska Pravda pubblicata mercoledì. Desbois ha descritto gli ostacoli in corso nel ritenere responsabili i presunti criminali di guerra e altre sfide che sopravviveranno al conflitto durante l'invasione russa dell'Ucraina di quattro mesi.

Sacerdote cattolico francese, Desbois è stato riconosciuto a livello internazionale per il suo lavoro di documentazione dell'Olocausto e di identificazione dei luoghi di sepoltura di massa di ebrei, rom e altri uccisi in tutta l'Europa orientale dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, secondo l'organizzazione di notizie. Desbois è ora in Ucraina per raccogliere prove dalle vittime di presunti crimini di guerra russi.

Parlando con Ukrainska Pravda, Desbois ha affermato che “l'odio non può essere evitato. Sono venuti in Ucraina, hanno ucciso bambini, violentato donne, saccheggiato, distrutto tutto, come puoi non odiarli dopo?"

Padre Patrick Desbois,
Il sacerdote francese padre Patrick Desbois ha affermato che “l'odio dovrebbe insegnarti a stare attento” quando parla del rapporto dell'Ucraina con la Russia. Sopra, Desbois visita una mostra al Rivesaltes Camp Memorial il 20 novembre 2019, a Rivesaltes, nel sud della Francia.
RAYMOND ROIG/Getty Images

Desbois ha spiegato che l'odio ha motivato gli ucraini a combattere contro la Russia. Ma ha consigliato prudenza.

"L'odio dovrebbe insegnarti a stare attento", ha detto, secondo Ukrainska Pravda. “Devi capire che anche se Putin muore, saranno comunque mortali. È un tuo grande fallimento avere simili vicini”.

Da quando ha lanciato la sua invasione dell'Ucraina a febbraio, la Russia è stata accusata dall'Ucraina e dai suoi alleati occidentali di aver attaccato i civili in violazione degli standard internazionali sui diritti umani. Amnesty International a maggio ha documentato attacchi aerei illegali e uccisioni extragiudiziali da parte delle forze russe.

LEGGERE :   "Il gioco ha bisogno di lui" - Ja Morant sull'atteso ritorno di Klay Thompson ai Golden State Warriors »FirstSportz

Sull'opposizione della Russia, la Corte penale internazionale (CPI) ha avviato un'indagine indipendente su un presunto massacro nella città ucraina di Bucha.

Desbois ha annunciato a marzo che stava avviando un'indagine su presunti crimini di guerra russi in Ucraina, secondo l'agenzia di stampa Interfax-Ucraina. L'indagine è stata supportata dal Babyn Yar Holocaust Memorial Center ucraino e dallo Yahad-In Unum, un'organizzazione non governativa fondata da Desbois con l'obiettivo di presentare prove alla CPI, riporta l'agenzia di stampa.

Lo ha detto Karim Khan, un pubblico ministero della CPI Ora di notizie di PBS mercoledì che l'indagine era ancora nelle sue fasi iniziali. Ha detto che la CPI sta esaminando le accuse "riguardanti il ​​trasferimento illegale di civili e bambini in particolare". Il pubblico ministero ha anche chiesto una dose di realismo nel suo sforzo.

"L'ICC è qui da 20 anni", ha detto. “Storicamente le risorse sono insufficienti. Ha una giurisdizione chiara. E ci sono alcune conseguenze o difficoltà forse impreviste nel creare altri meccanismi”.

Desbois aveva precedentemente raccolto prove di violazioni dei diritti umani da parte dello Stato islamico contro gli yazidi, una minoranza etnica e religiosa in Iraq. Parlando con Ukrainska Pravda, ha detto che le donne che sono state aggredite sessualmente e ridotte in schiavitù da militanti islamici sono state esplicite riguardo alle loro esperienze. Ha sottolineato come Nadezhda Murad, una yazida vittimizzata dai militanti, abbia scritto un libro e vinto il Premio Nobel per la pace per il suo attivismo.

Ma Desbois teme che le donne ucraine non saranno così esplicite.

"Nella tradizione ucraina, tutto è diverso, temo che le donne ucraine non ne parleranno", ha detto. "E questo è un problema."

LEGGERE :   Risultati UFC Fight Night, Highlights: Ketlen Vieira batte Miesha Tate per la vittoria principale a 135 sterline

Nell'intervista, Desbois ha anche parlato di una vasta "zona grigia" morale in Ucraina, ascoltando da ucraini che hanno affermato che i russi hanno dato loro da mangiare o che fanno affari con la potenza occupante. Ha detto che Putin conta sull'area grigia e teme che il calo del sostegno all'Ucraina possa funzionare a favore del leader russo.

"Tuttavia, la stanchezza dell'Ucraina non si fa sentire nel mondo oggi", ha affermato Desbois. “C'è stata una grande mobilitazione, bandiera ucraina ovunque. Non c'è stata una tale mobilitazione in Occidente dalla guerra del Vietnam. Ma lo perderemo se non continuiamo a ricordare a noi stessi le vittime civili”.

Newsweek contattato l'ICC per ulteriori commenti.

Cet articolo è traduit automatiquement. N'hésitez pas à nous signaler s'il ya des erreurs.

Continua a leggere...
Pulsante Torna all'inizio della pagina
Fermer