trad

Il Senato approva la prima legge sulla pistola in 28 anni, ma fa meno della legge del 1994

Il Senato ha superato un ingorgo legislativo decennale approvando un disegno di legge inteso a ridurre la violenza armata, ma ha omesso una disposizione chiave dell'ultima volta che il Congresso ha adottato la sicurezza delle armi da fuoco.

Giovedì sera il Senato ha approvato il Bipartisan Safer Communities Act con un voto bipartisan 65-33. Spinta dalla sparatoria della scuola elementare a Uvalde, in Texas, e da altri recenti massacri, la legislazione cerca di proteggere le armi da fuoco da individui pericolosi. Tuttavia, i sostenitori del controllo delle armi hanno sottolineato che il disegno di legge non ripristina il divieto del 1994 sui fucili semiautomatici in stile militare a cui è stato attribuito il merito di ridurre la violenza legata alle armi da fuoco.

Quindici senatori repubblicani si sono uniti ai democratici nel votare per la legislazione, che ha permesso di eliminare un ostruzionismo legislativo nella camera equamente divisa.

"Questo è il punto debole", ha detto il repubblicano Mitch McConnell del Kentucky, leader della minoranza al Senato.

Giovedì il Senato ha approvato il primo disegno di legge in quasi tre decenni con il sostegno bipartisan; tuttavia, ci sono meno protezioni offerte rispetto al 1994. Il gruppo di attivisti "Gays Against Guns" e altri manifestanti protestano contro la violenza armata a New York City il 23 giugno 2022.
ANGELA WEISS/Getty Images

McConnell, che ha una valutazione A+ dalla National Rifle Association, ha affermato che il disegno di legge renderebbe le comunità e i bambini a scuola più sicuri senza "mettere un dito sul Secondo Emendamento per i cittadini rispettosi della legge".

Il disegno di legge creerebbe nuovi finanziamenti per gli stati per amministrare leggi "bandiera rossa", che consentono ai tribunali di ordinare che le armi siano tenute lontane da persone ritenute un pericolo per se stesse o per gli altri. Crea nuove sanzioni per "l'acquisto di paglia", rafforzando al contempo le leggi intese a tenere le armi da fuoco da abusi domestici e trafficanti di armi.

LEGGERE :   Quale degli Spider-Men è il miglior Spider-Man in "No Way Home"?

Inoltre, il disegno di legge prevede nuovi finanziamenti per la salute mentale e la sicurezza scolastica. Migliora anche i controlli sui precedenti per aspiranti acquirenti di armi di età inferiore ai 21 anni, richiedendo un'indagine sui loro record di salute mentale e giovanile.

Il gruppo di difesa del controllo delle armi Everytown for Gun Safety ha annunciato il disegno di legge come una "grande vittoria" in una dichiarazione dopo il suo passaggio. Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha anche osservato che solo poche settimane fa il disegno di legge sembrava "impossibile".

Ma per ottenere il sostegno repubblicano al disegno di legge, i Democratici hanno abbandonato qualsiasi spinta per vietare i fucili in stile militare.

L'ultima volta che il Congresso ha approvato un disegno di legge sul controllo delle armi è stato nel 1993, quando l'allora presidente Bill Clinton ha firmato una legge con il sostegno bipartisan che vieta gli AR-15 e altre cosiddette armi d'assalto. Il divieto, entrato in vigore nel 1994, è scaduto nel 2004 sotto l'allora presidente George W. Bush.

"Il denominatore comune in così tante sparatorie di massa oggi sono le armi d'assalto", ha detto giovedì la senatrice della California Dianne Feinstein in un discorso all'aula del Senato.

Ha sottolineato che i recenti tiratori di massa non potevano comprare birra o sigarette, ma potevano acquistare armi in stile militare. Ha aggiunto che i commercianti di armi da fuoco con licenza federale non sono autorizzati a vendere o consegnare pistole ad acquirenti di età inferiore ai 21 anni.

"Tuttavia, questa protezione del buon senso non si applica agli acquisti di armi d'assalto", ha affermato. “Questa disparità è effettivamente costata vite. È una logica semplice: se non puoi comprare una birra, non dovresti essere in grado di acquistare un'arma d'assalto. Se non puoi comprare una pistola, non dovresti essere in grado di acquistare un AR-15.

La ricerca mostra che il divieto dei fucili in stile militare ha ridotto la violenza. Uno studio del 2019 della Stanford Law School ha rilevato che nel decennio precedente il divieto c'erano il 33% in più di sparatorie di massa e il 65% in più di vittime associate.

LEGGERE :   La Television Academy riflette sul destino del gruppo di pari dei media interattivi, un ponte di lunga data tra media digitali e tradizionali

Tuttavia, gli AR-15 e altre armi simili sono diventati sempre più popolari da quando è scaduto il divieto. Secondo una stima del 2020 della National Shooting Sports Foundation, ci sono quasi 20 milioni di fucili sportivi militari o moderni in circolazione.

Newsweek ha contattato Everytown per la sicurezza delle armi.

Cet articolo è traduit automatiquement. N'hésitez pas à nous signaler s'il ya des erreurs.

Continua a leggere...
Pulsante Torna all'inizio della pagina
Fermer