trad

Sheryl Swoopes: Sono un titolo IX Baby, ho fatto in modo che i ragazzi mi rispettassero come ballerino

È pazzesco pensare che stiamo celebrando i 50 anni del Titolo IX e sono felice di dire che sono un prodotto del Titolo IX. Sono nato nel 1971, un anno prima che il Titolo IX diventasse legge, ma mi considero ancora un bambino del Titolo IX. Ci sono momenti in cui guardo indietro alla mia vita e alla mia carriera e non potrei immaginare la vita da atleta senza questa legge.

Da giovane ragazza di Brownfield, Texas, che ha iniziato a giocare a canestro all'età di sette anni, il basket era la vita! Sapevo fin da piccolo quanto amassi il gioco e che c'era qualcosa di speciale in me e in quella pallina arancione.

Ricordo che ogni volta che i miei fratelli uscivano per andare a giocare a basket, piangevo finché mia madre alla fine si arrendeva e dicevo: "Vai avanti e vai, ma non tornare a casa ferito o piangendo".

Male? Pianto? Non si piange nel basket! Non ne ho mai avuto abbastanza di essere in campo. Il basket non solo mi ha insegnato la competizione e come affrontare le diverse personalità, ma mi ha insegnato la fiducia in me stesso e come fidarmi di me stesso e credere in me stesso in tenera età.

Spesso sarei stata l'unica ragazza a giocare con i miei fratelli e i ragazzi, ma questo non mi ha mai impedito di voler partecipare. Non l'ho mai considerato sbagliato o strano. Per me era normale e un'opportunità per lavorare sul mio gioco e migliorare; i ragazzi mi hanno sfidato ogni volta che scendevo in campo e l'ho accettato volentieri.

Sheryl Swoopes gareggia per la squadra statunitense nella finale di basket femminile alle Olimpiadi del 2004 ad Atene.
Andreas Rentz/Bongarts/Getty

Una volta, sono stato scelto per una squadra perché i ragazzi avevano solo nove giocatori e ne serviva uno in più per giocare cinque contro cinque. Immagino che pensassero di farmi un favore lasciandomi giocare perché nessuno mi avrebbe protetto e loro "mi hanno lasciato sparare". Non è stato fino all'estate del mio primo anno al college che ho finalmente guadagnato il loro rispetto come "baller".

LEGGERE :   Codice Fortnite DanomiteDan Sanctuary nella creazione e come giocare »FirstSportz

Al di fuori della scuola e dei compiti, la mia vita ruotava attorno al basket. Durante l'anno scolastico, oltre alla pratica, passavo tre o quattro ore al giorno durante la settimana e cinque ore al giorno nel fine settimana a perfezionare il mestiere. Durante i mesi estivi mi sono dedicato molto allo sport. Ciò significava dedicare dalle 25 alle 30 ore a basket ogni settimana. Sapevo fin da piccolo che Dio mi aveva benedetto con un talento speciale e che spettava a me perfezionarlo. Non mi è mai piaciuto essere abbastanza bravo: ho sempre voluto essere il migliore.

Da matricola al liceo, ho giocato nella squadra dell'università. Penso che sia stato allora che ho iniziato a capire che ero abbastanza bravo e che il basket sarebbe stato il mio biglietto per il college.

Il percorso che ho scelto è uno che a volte viene trascurato perché ho frequentato il South Plains College per due anni prima di trasferirmi alla Texas Tech University. Ma essere a South Plains mi ha insegnato tanto su me stesso, sulla vita e sull'equilibrio. La vita da studente-atleta collegiale può essere molto impegnativa se non capisci come conciliare scuola e sport.

Guardando indietro, non stavamo pensando all'impatto che il Titolo IX stava avendo su tutti gli sport femminili durante questo periodo, perché non è mai stata una discussione.

L'elevazione del basket femminile

Inoltre, non ho avuto l'opportunità di vedere molte donne giocare, perché il basket femminile semplicemente non è stato promosso o commercializzato molto. Avevo sentito storie su quanto fosse straordinaria Cheryl Miller, quindi ho cercato di saperne di più sul suo gioco. Anche il fatto che Lynette Woodard fosse diventata la prima donna Harlem Globetrotter nel 1985 era piuttosto speciale per me, quindi ricordo che anche io la ammiravo.

LEGGERE :   'Home Alone' Buzz McCallister attore Nasty Split con la fidanzata, poliziotti chiamati

L'atmosfera intorno al basket femminile del college negli anni '90 era divertente ed eccitante. Essere una giocatrice di basket in quel periodo è stata una cosa interessante, è stato il decennio in cui il basket femminile ha iniziato davvero a elevarsi e tutti hanno iniziato a prenderne atto.

Sheryl Swoopes, attaccante e guardia degli Houston Comets salta il canestro mentre i compagni di squadra Janeth Arcain e Tiffani Johnso guardano durante la partita di basket della WNBA Western Conference contro la Seattle Storm il 1 giugno 2000 a Seattle, Washington, Stati Uniti.
Otto Greule Jr/Getty

Essere il primo giocatore a firmare con la WNBA nel 1997 è stato uno dei momenti più speciali e importanti della mia vita. Avere l'opportunità di promuovere la mia carriera da giocatore negli Stati Uniti è stato come un sogno diventato realtà. Eppure, per quanto fossi eccitato e felice per questa opportunità, era anche molto più grande di me. L'inizio della WNBA e il mio ruolo in essa è stato per ogni giocatore che era venuto prima di noi e per ogni giovane donna e bambina che sarebbe venuta dopo di noi. Ora possono sognare! Naturalmente, con l'opportunità ed essere i primi a fare qualcosa, arriva la pressione. E quel momento per me non è stato diverso. Mi sentivo ansioso, nervoso, eccitato, felice e spaventato. Ma soprattutto mi sono sentito pronto.

Sono stato così fortunato ad aver avuto una vita e una carriera così straordinarie e di successo. Dal rappresentare il mio paese e vincere tre medaglie d'oro olimpiche alla vittoria dei primi quattro campionati WNBA con gli Houston Comets, non avrei potuto scrivere meglio.

LEGGERE :   Olivia Rodrigo ha filmato "Tiny Desk Concert" al DMV After Hours per $ 2,300

Sul poter avere tutto

La parte migliore di tutto questo è che sono stato in grado di dare alla luce mio figlio e averlo intorno a così tante donne forti, intelligenti, talentuose e dure. Per questo motivo, capisce quanto siano incredibili le donne e ci rispetta per quello che siamo. Di tutto ciò che ho realizzato nel basket, il mio contributo più orgoglioso dovrebbe essere avere un figlio, tornare dalla gravidanza e mostrare al mondo che le donne possono fare qualsiasi cosa ci poniamo. Non dobbiamo scegliere tra avere una carriera di successo o essere un'ottima mamma: possiamo fare entrambe le cose!

Sheryl Swoopes 25 Anniversario WNBA
Atleti Primi Partner

Quando guardo questa generazione di giocatrici di basket, sono così intelligenti e talentuose che sarebbe difficile per me scegliere la migliore. La mia speranza è che continuino a usare la loro voce ea combattere contro tutte le ingiustizie a cui continuiamo a opporci oggi.

È pazzesco pensare che siano trascorsi 50 anni da quando il titolo IX è stato convertito in legge. Per tutto e ogni opportunità che il Titolo IX mi ha fornito, sono per sempre grato e non potrei immaginare la mia vita senza di essa.

Per quanto dobbiamo essere grati, abbiamo ancora molto lavoro da fare. Non possiamo accontentarci e dimenticare coloro che sono venuti prima di noi e tutto il duro lavoro che è stato necessario per far approvare questa legge. È tutta nostra responsabilità continuare a far luce su cosa significa esattamente il Titolo IX, cosa ha fatto, a chi è rivolto e perché è importante.

Sheryl Swoopes è una giocatrice di basket professionista americana, è stata la prima giocatrice ad essere ingaggiata nella WNBA, è stata tre volte MVP della WNBA e medaglia d'oro olimpica. Puoi seguirla su Instagram @airswoopes22

Tutte le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore.

Banner della settimana di notizie
Newsweek

Cet articolo è traduit automatiquement. N'hésitez pas à nous signaler s'il ya des erreurs.

Continua a leggere...
Pulsante Torna all'inizio della pagina
Fermer