trad

Un ricco albergatore britannico rischia fino a 20 anni in una prigione africana

Un ricco albergatore britannico e sua moglie sono detenuti in una prigione "buco infernale" dopo essere stati accusati di riciclaggio di denaro dalla polizia nell'isola paradisiaca di Zanzibar.

Simon Wood, 51 anni, è stato incarcerato sull'isola nell'Oceano Indiano al largo delle coste dell'Africa orientale dopo essere stato arrestato con la moglie Francesca Scalfari, 45 anni, poco più di due settimane fa.

La sua famiglia ha detto che la polizia gli ha rasato la testa quando è stato arrestato e poi lo ha rinchiuso in una cella con altri 200 pericolosi detenuti, compresi gli assassini.

Simon Wood, 51 anni, è stato incarcerato sull'isola nell'Oceano Indiano al largo delle coste dell'Africa orientale dopo essere stato arrestato con Francesca Scalfari, 45 anni, poco più di due settimane fa.
Simon Galloway / Zenger

Hanno anche detto che alla coppia erano stati negati i bisogni primari, incluso l'accesso all'acqua, e che ai parenti non era stato permesso di entrare in prigione per vederli in diverse occasioni.

Le persone vicine alla coppia affermano che il loro arresto è legato alle azioni legali intentate contro di loro da ex investitori nel loro hotel, The Sharazad Boutique, risalenti al 2017.

Ma poiché queste questioni sono state successivamente risolte a favore di Wood e Scalfari, ora sono "perse" per spiegare perché nuove accuse penali sono emerse all'inizio di questo mese.

Secondo le leggi locali, i prigionieri possono essere tenuti in prigione per otto mesi senza processo e la madre di Wood, Christine Wood, del Lancashire, in Inghilterra, ha detto di essere “preoccupata” per il suo benessere.

"Sono molto preoccupata per mio figlio Simon e sua moglie italiana Francesca, che stanno iniziando la loro terza settimana di reclusione a Zanzibar", ha detto.

LEGGERE :   Cosa succede adesso a Travis Scott?

“Ora sono stati accusati di riciclaggio di denaro, ma non sanno perché.

“Per loro il paradiso si è rapidamente trasformato in un inferno e finché il tribunale non li dichiara 'non colpevoli' rimangono in carcere”.

Simon Wood, 51 anni, è stato incarcerato sull'isola nell'Oceano Indiano al largo delle coste dell'Africa orientale dopo essere stato arrestato con Francesca Scalfari, 45 anni, poco più di due settimane fa.
Simon Galloway / Zenger

Lo zio di Scalfari, Jim Betteridge, 62 anni, un espatriato britannico che vive in Toscana, in Italia, ha aggiunto che Wood e Scalfari sono tenuti in condizioni "primitive".

"Un buco infernale sarebbe una descrizione abbastanza accurata", ha detto.

“Non c'è cibo o acqua forniti. Devono comprare la loro acqua e tutto il cibo che viene portato viene curiosato e sondato dalle guardie.

“Fa molto caldo lì dentro, pieno di zanzare e non è da qualche parte dove vorresti vedere il tuo peggior nemico, francamente. Definirlo primitivo sarebbe gratuito.

Betteridge ha spiegato che Wood, originario del Lancashire, era arrivato sulla bellissima isola 20 anni fa, dove ha incontrato la sua futura moglie, Francesca, e in seguito ha accolto il loro figlio, Luca, 11 anni.

Zanzibar, che rientra nella giurisdizione della Tanzania, è famosa per il clima mite e le spiagge di sabbia soffice e attrae circa 500,000 turisti all'anno.

La coppia in seguito ha deciso di trasformare la loro casa sulla spiaggia in un boutique hotel di 30 camere con ville con vista sull'oceano da £ 200 a notte ($ 245 a notte), un ristorante e una piscina.

Simon Wood, 51 anni, è stato incarcerato sull'isola nell'Oceano Indiano al largo delle coste dell'Africa orientale dopo essere stato arrestato con Francesca Scalfari, 45 anni, poco più di due settimane fa. La coppia è raffigurata qui con il figlio Luca.
Simon Galloway / Zenger

Ma Betteridge ha detto che dopo aver "litigato" con due investitori che hanno investito soldi nell'attività, la coppia ha trascorso anni a combattere cause civili nei tribunali locali.

LEGGERE :   Note sulla patch di aggiornamento 1.18 di Minecraft 5 oggi

"Un'altra coppia italiana coinvolta in ONG sulla terraferma ha investito denaro con loro ed è diventata partner, e insieme hanno creato l'hotel", ha detto.

“E poi sono caduti, molti anni fa, e per tre o cinque anni ci sono state cause civili in corso.

“Ma Francesca e Simon hanno vinto tre cause civili contro i loro ex compagni”.

Betteridge ha detto che la coppia, che possiede più attività sull'isola e impiega circa 60 persone, credeva che i loro problemi legali fossero dietro di loro alcuni anni fa.

Tuttavia, il 7 giugno, sono stati improvvisamente arrestati dalla polizia e gettati in una prigione locale, dove sono da allora rinchiusi.

"Penso che nessuno sappia come questa materia civile ora risolta e finita sia stata di nuovo riesumata e trasformata in questo affare dell'accusa criminale", ha detto Betteridge.

"Ed è tutto esploso nell'ultimo mese e mezzo, davvero, quando tutto era ben alle loro spalle."

La coppia ha fatto la sua prima apparizione in tribunale mercoledì ed è stata accusata di riciclaggio di denaro, che si ritiene comporti una pena massima di 20 anni.

Betteridge ha affermato che mentre i funzionari italiani e britannici stanno assistendo le loro famiglie, la coppia sta soffrendo a causa delle condizioni terribili nelle loro carceri separate.

"Hanno entrambi perso peso e sono evidentemente a disagio e sconvolti, ovviamente", ha detto.

“La prigione è sgangherata, per usare un eufemismo. Simon è in una serie di stanze con 200 detenuti e dorme per terra su un materasso.

“Francesca è in una stanza con circa 20 persone. Non hanno avuto acqua per due giorni e due notti, e puoi solo immaginare cosa farebbe per una persona, per non parlare di 20”.

LEGGERE :   Michael Carrick è l'allenatore di Manchester United contro Arsenal; Ralf Rangnick sta aspettando un permesso di lavoro

Betteridge insiste che la coppia potrebbe provare la loro innocenza, ma ha detto che è difficile da raggiungere in quanto attualmente non sono in grado di ottenere la cauzione.

“Se avessero il permesso di uscire, sarebbero in grado di dimostrare la loro innocenza in un attimo, ma dall'interno non possono, quindi sono frustrati. Non è una cosa carina da guardare”.

Resta inteso che il presidente di Zanzibar, Hussein Mwinyi, parteciperà giovedì a un forum di investimento locale, dove potrebbe ricevere critiche per la detenzione della coppia.

Un portavoce dell'Ufficio degli esteri, del Commonwealth e dello sviluppo del Regno Unito ha confermato che stavano assistendo un cittadino britannico attualmente incarcerato in Tanzania, ma ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

Hanno detto: "Stiamo sostenendo un cittadino britannico detenuto in Tanzania e siamo in contatto con le autorità locali".

Questa storia è stata fornita a Newsweek da Zenger News.

Cet articolo è traduit automatiquement. N'hésitez pas à nous signaler s'il ya des erreurs.

Continua a leggere...
Pulsante Torna all'inizio della pagina
Fermer